LE ORIGINI
L’attuale Wester Club Canne Tonanti è l’evoluzione di una parte della Sezione Tiro a Segno del C.C.R.S. della BNL Milano. Questo gruppo ha organizzato, con alcuni Winchester prestati dall’armeria milanese Excalibur, la sua prima gara di tiro western presso il Poligono di Tiro di Codogno nel 1987. Una gara che ha visto sparare fucili in calibro 30/30 assieme a carabine in cal.357 Magnum o 22lr su semplici bersagli rotondi da pistola automatica posti a 50 mt. Nei due anni successivi il barilozzo nero venne rimpicciolito e contornato dalla sagoma di un bisonte e il calibro 22lr venne bandito.
Successivamente nel 1990 come bersaglio venne scelta l’immagine di un tacchino con al centro del petto il barilozzo nero con i punti e da allora non è più cambiata. Nelle ultime tre edizioni, grazie ad un motorino ed un eccentrico, le sagome si muovono, oscillando da destra a sinistra. Nel 1992 l’incontro con Aldo Uberti e il suo braccio destro Giacomo Merlino segnò la grande svolta per il tiro western in Italia. Grazie al loro aiuto quelle che prima erano state gare “private” vennero aperte a tutti gli iscritti alla sezione del TSN di Codogno.



 

 

 

Prima di allora nessuno aveva organizzato gare di tiro western con armi messe a disposizione di tutti coloro che, pur non possedendole, volevano provare l’emozione di usare una carabina o una rivoltella da cowboy. Da allora, due volte all’anno, la Uberti di Gardone Val Trompia ha messo a disposizione, di volta in volta, tutti i modelli della sua produzione.
Nel 2001 il presidente del poligono di Como, Giuseppe Villa, partecipò ad una gara con il risultato che l’anno seguente anche a Como si fecero due gare Western. Nel 2003 Big Gorge portò il west anche nelle risaie di Vercelli e il gruppo pensò di darsi un nome e delle regole. Il nome Canne Tonanti è una idea di Claudio Villa, il noto disegnatore di Tex Willer, mentre le regole sono frutto di un lavoro collegiale. I soci fondatori sono Nello Ciampitti (presidente) Giorgio DeGalleani e Giuseppe Villa (consiglieri) e Angelo Meriggi (nuovo consigliere aggiunto).
Nel 2004 al primo circuito delle Canne Tonanti parteciparono i poligoni di Codogno, Como, Tirano e Vercelli, a cui si sono poi aggiunti negli anni seguenti Trecate, Piacenza, Somma Lombardo, Milano, Gardone Val Trompia, la cava della Icaro Pavia Shooting Team e il poligono della Società Carruese di Tiro.


OGGI

A differenza di altre associazioni sorte molto dopo la nostra le Canne Tonanti vogliono restare un gruppo di amici che prediligono divertirsi goliardicamente e non prendersi troppo sul serio, senza fregiarsi di roboanti titoli e campionati e senza dover fare svariate centinaia di Km per recarsi nei lughi delle gare.
Amici che si ritrovano tutti, un paio di volte al mese, nei vari poligoni del circuito, che gareggiano ma non fanno un dramma se non fanno sempre centro e dopo la gara tutti a tavola.
Tiratori si, ma con un occhio speciale per la buona cucina ed il buon vino: insomma i risultati non sono l’obbiettivo principale.
Per questo motivo il nostro regolamento è piuttosto scarno.